logo
Assoholding sostiene l'ambiente

Questa schermata contribuisce al risparmio energetico quando ti allontani o resti inattivo.

Torna alle news di Assoholding

Commento alla risoluzione n. 78/E del 31 dicembre 2021

Con la risoluzione n. 78/E del 31 dicembre 2021 l’Agenzia ha fornito ulteriori chiarimenti in merito alla corretta applicazione della disciplina contenuta nel Decreto legislativo n. 100/2020 in relazione alle pratiche infragruppo di Transfer Pricing, ovvero circa la sussistenza o meno dell’obbligo di comunicare, ai sensi della richiamata normativa, gli aggiustamenti di fine anno ai prezzi di trasferimento effettuati a favore delle società controllate non residenti (TP adjustments), in presenza di determinate caratteristiche.

Con il Decreto legislativo n. 100 del 2020, di recepimento della Direttiva UE 2018/822 (c.d. DAC6) sono stati introdotti, per contribuenti e intermediari, nuovi obblighi di comunicazione previsti al configurarsi di operazioni transfrontaliere che presentano determinati elementi distintivi e che possono apportare una riduzione di imposta.

Successivamente, con la circolare n. 2 del 10 febbraio 2021, l’Agenzia ha fornito i primi chiarimenti in merito all’applicazione delle norme per la comunicazione delle informazioni relative a tali meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di notifica. In particolare, viene definito “meccanismo transfrontaliero” uno schema, accordo o progetto, riguardante l’Italia e una o più giurisdizioni estere, qualora si verifichi almeno una delle cinque condizioni indicate all’interno dell’Allegato 1 del suddetto Decreto legislativo.

In sostanza, l’obbligo di comunicazione sussiste qualora il meccanismo presenti le seguenti caratteristiche in modo congiunto:

  • la transnazionalità del meccanismo;
  • la presenza di almeno uno degli elementi distintivi (c.d. hallmarks) descritti alle lettere da A ad E all’interno dell’Allegato 1 del Decreto legislativo
    n.100 del 2020;
  • la potenziale riduzione dell’imposta dovuta in un Paese dell’Unione Europea
    o in uno Stato terzo con il quale è in vigore uno specifico accordo per lo scambio di informazioni relativamente ai meccanismi transfrontalieri soggetti all’obbligo di notifica;
  • la prevalenza, sulla base del Main Benefit Test, del vantaggio fiscale rispetto a quello extra-fiscale realizzato da uno o più contribuenti in Italia.

CLICCA QUI PER LEGGERE LA NOTA

In evidenza

Articoli correlati

Imprese, Assoholding: nuova Governance rigenerativa presentata al CNEL

“Valorizzare l’attività di coordinamento di una Governance rigenerativa implica il coinvolgimento di tutti gli stakeholders nelle decisioni strategiche dell’impresa....

Autodichiarazione di aiuti di Stato: chiarimento Agenzia delle Entrate

Gentile Associato, con una FAQ pubblicata venerdì 27 gennaio 2023 sul proprio sito, l’Agenzia delle Entrate ha dato riscontro...

Agenzia delle Entrate – Chiarimento in tema di autodichiarazione degli aiuti di Stato

Con una FAQ pubblicata venerdì 27 gennaio 2023 sul proprio sito, l’Agenzia delle Entrate ha dato riscontro ad una...

Vuoi saperne di più? Compila il form per contattarci