La Statuto
di Assoholding

Da 20 anni l’Associazione di Categoria delle Holding

Lorem ipsum organi sociali associazione rappresentiamo gli interessi delle holding italiane presso le Istituzioni e suppo.

Capitoli dello statuto
Articolo5

L’associazione è aperta a tutte le holding finanziarie e a tutte le società di partecipazione che, interessate alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali, nonché agli altri intermediari finanziari di cui all’art. 106 del Dlgs 385/93. Gli associati si dividono nelle seguenti categorie: Associati ordinari: società o enti che possono arrecare un contributo effettivo al perseguimento delle finalità istituzionali dell’associazione; Associati onorari: società, enti o istituzioni che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera od il loro sostegno ideale o economico alla costituzione e allo sviluppo dell’associazione.

Articolo 6

L’ammissione degli associati ordinari e la nomina degli associati onorari sono deliberate dal Consiglio direttivo. Tutti gli associati sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti L’associato può recedere dall’associazione con effetto dalla fine dell’anno successiva a quello in corso. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con lettera raccomandata. Il Consiglio direttivo delibera, salvo ratifica dell’assemblea, l’esclusione dell’associato nei seguenti casi:- mancato pagamento della quota sociale per oltre due anni; – mancato rispetto dei requisiti di cui all’art. 108 del DLgs. 1 settembre 1993 n. 385 e sue successive modifiche o integrazioni. Tutti gli associati in regola con il pagamento della quota associativa hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa. Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da: – beni immobili e mobili; – contributi; – donazioni e lasciti; – rimborsi; – attività marginali di carattere commerciale e produttivo; – ogni altro tipo di entrate. I contributi degli associati sono costituiti dalle quote di associazione annuale stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina anche l’ammontare. Le elargizioni liberali in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’assemblea, che delibera sull’utilizzazione delle stesse, in armonia con le finalità statutarie dell’associazione. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione non sia imposta dalla legge.

Articolo 7

L’anno finanziario inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Entro il mese di marzo di ogni anno il Segretario generale presenta al Consiglio direttivo il bilancio preventivo per l’anno in corso e quello consuntivo dell’anno precedente, accompagnati da una relazione del collegio dei Revisori dei conti. Il Consiglio direttivo delibera sulla proposta di bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea ordinaria, che li approva entro il mese di aprile. Per particolari motivi deliberati dal Consiglio Direttivo il bilancio preventivo e consuntivo puo’ essere deliberato entro il mese di giugno. Il bilancio preventivo e consuntivo, accompagnati dalla relazione del collegio dei Revisori dei conti, devono essere depositati presso la sede dell’associazione entro i giorni precedenti la seduta per potere essere consultati da ogni associato.

Articolo5

L’associazione è aperta a tutte le holding finanziarie e a tutte le società di partecipazione che, interessate alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali, nonché agli altri intermediari finanziari di cui all’art. 106 del Dlgs 385/93. Gli associati si dividono nelle seguenti categorie: Associati ordinari: società o enti che possono arrecare un contributo effettivo al perseguimento delle finalità istituzionali dell’associazione; Associati onorari: società, enti o istituzioni che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera od il loro sostegno ideale o economico alla costituzione e allo sviluppo dell’associazione.

Articolo 6

L’ammissione degli associati ordinari e la nomina degli associati onorari sono deliberate dal Consiglio direttivo. Tutti gli associati sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti L’associato può recedere dall’associazione con effetto dalla fine dell’anno successiva a quello in corso. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con lettera raccomandata. Il Consiglio direttivo delibera, salvo ratifica dell’assemblea, l’esclusione dell’associato nei seguenti casi:- mancato pagamento della quota sociale per oltre due anni; – mancato rispetto dei requisiti di cui all’art. 108 del DLgs. 1 settembre 1993 n. 385 e sue successive modifiche o integrazioni. Tutti gli associati in regola con il pagamento della quota associativa hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa. Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da: – beni immobili e mobili; – contributi; – donazioni e lasciti; – rimborsi; – attività marginali di carattere commerciale e produttivo; – ogni altro tipo di entrate. I contributi degli associati sono costituiti dalle quote di associazione annuale stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina anche l’ammontare. Le elargizioni liberali in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’assemblea, che delibera sull’utilizzazione delle stesse, in armonia con le finalità statutarie dell’associazione. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione non sia imposta dalla legge.

Articolo 7

L’anno finanziario inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Entro il mese di marzo di ogni anno il Segretario generale presenta al Consiglio direttivo il bilancio preventivo per l’anno in corso e quello consuntivo dell’anno precedente, accompagnati da una relazione del collegio dei Revisori dei conti. Il Consiglio direttivo delibera sulla proposta di bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea ordinaria, che li approva entro il mese di aprile. Per particolari motivi deliberati dal Consiglio Direttivo il bilancio preventivo e consuntivo puo’ essere deliberato entro il mese di giugno. Il bilancio preventivo e consuntivo, accompagnati dalla relazione del collegio dei Revisori dei conti, devono essere depositati presso la sede dell’associazione entro i giorni precedenti la seduta per potere essere consultati da ogni associato.

Articolo5

L’associazione è aperta a tutte le holding finanziarie e a tutte le società di partecipazione che, interessate alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali, nonché agli altri intermediari finanziari di cui all’art. 106 del Dlgs 385/93. Gli associati si dividono nelle seguenti categorie: Associati ordinari: società o enti che possono arrecare un contributo effettivo al perseguimento delle finalità istituzionali dell’associazione; Associati onorari: società, enti o istituzioni che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera od il loro sostegno ideale o economico alla costituzione e allo sviluppo dell’associazione.

Articolo 6

L’ammissione degli associati ordinari e la nomina degli associati onorari sono deliberate dal Consiglio direttivo. Tutti gli associati sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti L’associato può recedere dall’associazione con effetto dalla fine dell’anno successiva a quello in corso. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con lettera raccomandata. Il Consiglio direttivo delibera, salvo ratifica dell’assemblea, l’esclusione dell’associato nei seguenti casi:- mancato pagamento della quota sociale per oltre due anni; – mancato rispetto dei requisiti di cui all’art. 108 del DLgs. 1 settembre 1993 n. 385 e sue successive modifiche o integrazioni. Tutti gli associati in regola con il pagamento della quota associativa hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa. Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da: – beni immobili e mobili; – contributi; – donazioni e lasciti; – rimborsi; – attività marginali di carattere commerciale e produttivo; – ogni altro tipo di entrate. I contributi degli associati sono costituiti dalle quote di associazione annuale stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina anche l’ammontare. Le elargizioni liberali in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’assemblea, che delibera sull’utilizzazione delle stesse, in armonia con le finalità statutarie dell’associazione. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione non sia imposta dalla legge.

Articolo 7

L’anno finanziario inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Entro il mese di marzo di ogni anno il Segretario generale presenta al Consiglio direttivo il bilancio preventivo per l’anno in corso e quello consuntivo dell’anno precedente, accompagnati da una relazione del collegio dei Revisori dei conti. Il Consiglio direttivo delibera sulla proposta di bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea ordinaria, che li approva entro il mese di aprile. Per particolari motivi deliberati dal Consiglio Direttivo il bilancio preventivo e consuntivo puo’ essere deliberato entro il mese di giugno. Il bilancio preventivo e consuntivo, accompagnati dalla relazione del collegio dei Revisori dei conti, devono essere depositati presso la sede dell’associazione entro i giorni precedenti la seduta per potere essere consultati da ogni associato.

Articolo5

L’associazione è aperta a tutte le holding finanziarie e a tutte le società di partecipazione che, interessate alla realizzazione delle finalità istituzionali, ne condividono lo spirito e gli ideali, nonché agli altri intermediari finanziari di cui all’art. 106 del Dlgs 385/93. Gli associati si dividono nelle seguenti categorie: Associati ordinari: società o enti che possono arrecare un contributo effettivo al perseguimento delle finalità istituzionali dell’associazione; Associati onorari: società, enti o istituzioni che abbiano contribuito in maniera determinante, con la loro opera od il loro sostegno ideale o economico alla costituzione e allo sviluppo dell’associazione.

Articolo 6

L’ammissione degli associati ordinari e la nomina degli associati onorari sono deliberate dal Consiglio direttivo. Tutti gli associati sono tenuti a rispettare le norme del presente statuto e dell’eventuale regolamento interno, secondo le deliberazioni assunte dagli organi preposti L’associato può recedere dall’associazione con effetto dalla fine dell’anno successiva a quello in corso. La dichiarazione di recesso deve essere comunicata con lettera raccomandata. Il Consiglio direttivo delibera, salvo ratifica dell’assemblea, l’esclusione dell’associato nei seguenti casi:- mancato pagamento della quota sociale per oltre due anni; – mancato rispetto dei requisiti di cui all’art. 108 del DLgs. 1 settembre 1993 n. 385 e sue successive modifiche o integrazioni. Tutti gli associati in regola con il pagamento della quota associativa hanno diritto di voto per l’approvazione e le modificazioni dello Statuto e dei regolamenti e per la nomina degli organi direttivi dell’associazione. Il diritto di voto non può essere escluso neppure in caso di partecipazione temporanea alla vita associativa. Le risorse economiche dell’associazione sono costituite da: – beni immobili e mobili; – contributi; – donazioni e lasciti; – rimborsi; – attività marginali di carattere commerciale e produttivo; – ogni altro tipo di entrate. I contributi degli associati sono costituiti dalle quote di associazione annuale stabilite dal Consiglio direttivo e da eventuali contributi straordinari stabiliti dall’assemblea, che ne determina anche l’ammontare. Le elargizioni liberali in denaro, le donazioni e i lasciti, sono accettate dall’assemblea, che delibera sull’utilizzazione delle stesse, in armonia con le finalità statutarie dell’associazione. E’ vietato distribuire, anche in modo indiretto, utili o avanzi di gestione nonché fondi, riserve o capitale durante la vita dell’associazione, salvo che la destinazione non sia imposta dalla legge.

Articolo 7

L’anno finanziario inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno. Entro il mese di marzo di ogni anno il Segretario generale presenta al Consiglio direttivo il bilancio preventivo per l’anno in corso e quello consuntivo dell’anno precedente, accompagnati da una relazione del collegio dei Revisori dei conti. Il Consiglio direttivo delibera sulla proposta di bilancio preventivo e consuntivo da sottoporre all’Assemblea ordinaria, che li approva entro il mese di aprile. Per particolari motivi deliberati dal Consiglio Direttivo il bilancio preventivo e consuntivo puo’ essere deliberato entro il mese di giugno. Il bilancio preventivo e consuntivo, accompagnati dalla relazione del collegio dei Revisori dei conti, devono essere depositati presso la sede dell’associazione entro i giorni precedenti la seduta per potere essere consultati da ogni associato.

Newsletter

Iscriviti alla newsletter