logo
Assoholding sostiene l'ambiente

Questa schermata contribuisce al risparmio energetico quando ti allontani o resti inattivo.

soggetti tenuti all’adempimento degli obblighi CRS


Domanda

In particolare, ho il caso di una holding che detiene solo partecipazioni in società industriali.
Posto che nel D.M. 28/12/2015
- l’art. 1, lett. n) tra le definizioni di “Istituzione finanziaria italiana tenuta alla comunicazione” al n. 14 indica “qualunque altra istituzione finanziaria italiana che presenti i requisiti di cui alle lettere f), g), h) o i)”;
- la lettera h) contenente la definizione di “Entità di investimento”, e nell’ultimo paragrafo stabilisce che “Non è un entità di investimento un'entità non finanziaria attiva che soddisfa una delle condizioni di cui alla lettera ff), numeri 4) 5), 6) e 7)”;
- infine, la lettera ff) al numero 4) stabilisce che “Entità non finanziaria attiva” è “un'entità non finanziaria che soddisfa una delle seguenti condizioni: (…) 4) tutte le attività dell'entità non finanziaria consistono essenzialmente nella detenzione, piena o parziale, delle consistenze dei titoli di una o più controllate impegnate nell'esercizio di un'attività economica o commerciale diversa dall'attività di un'istituzione finanziaria, e nella fornitura di finanziamenti e servizi ad esse, salvo che un'entità non sia idonea a questo status poiché funge, o si qualifica, come un fondo di investimento, un fondo di private equity, un fondo di venture capital, un leverage buyout fund o altro veicolo di investimento la cui finalità è di acquisire o finanziare società per poi detenere partecipazioni in tali società come capitale fisso ai fini di investimento”;
confermate che una holding che detiene solo partecipazioni in società industriali si considera esclusa dagli obblighi CRS?

Risposta

Non è possibile confermare apriori l'esclusione dall'obbligo di comunicazione ai fini CRS per una holding che detiene solo partecipazioni in società industriali poiché tala esclusione va verificata in concreto mediante il test della prevalenza finanziaria che deve essere effettuato sugli ultimi 3 bilanci.